Privacy Policy

Questo mese abbiamo ospite il Dott.Nicola Florini, Ph.D., Dottore di ricerca in Chimica, Laureato in scienze motorie, Insegnante di Hatha Yoga, Esperto in Riprogrammazione Posturale, Personal Trainer, che ci fornirà un commento scientifico ad alcuni articoli da lui selezionati. Lo ringraziamo fin d'ora per la sua disponibilità.
Potete visionare il suo blog qui.

Modulazione della risposta cardiovascolare dopo Ujjayi Prāṇāyāma e Shavāsana in soggetti sani
G.V. Lathadevi, T. Uma Maheswari, R. Nagashree; Journal of Clinical and Diagnostic Research 2012, 6(4), 571-573
Abstract
Lo studio presentato da questo articolo valuta gli effetti dell'Ujjayi Prāṇāyāma e di Shavāsana sul sistema cardiovascolare; si misurano: battito cardiaco (HR), pressione sistolica (SP), pressione diastolica (DP) e da questi parametri si calcoleranno: pulso pressorio (PP), Pressione arteriosa media (MAP), tasso pressione prodotto (RPP). tutti questi parametri verranno valutati prima e dopo 6 settimane di Ujjayi Prāṇāyāma e Shavāsana. Lo studio ha dimostrato come tutti i parametri presi in considerazione subiscano una significativa riduzione dopo 6 settimane di pratica imputabili ad un aumento del tono nervoso parasimpatico.

SE VUOI LEGGERE TUTTO L'ARTICOLO CLICCA QUI

Consumo di ossigeno durante prāṇāyāma con respiro rallentato.
S.Lathadevi, T.Desiraju; Indian Journal of Medical Research 1991, 94, 357-363
Abstract
Lo studio ha come scopo la determinazione del consumo di ossigeno durante sessioni di prāṇāyāma caratterizzato da una respirazione rallentata; il kumbhaka (ritenzione del respiro) rappresenta una fase importante del ciclo respiratorio su cui si può agire per il rallentamento del respiro. L'esperimento è condotto su 10 candidati con una lunga esperienza di prāṇāyāma, 5 di questi soggetti eseguono un prāṇāyāma con una corta fase di kumbahka (22.2% del ciclo respiratorio) e 5 con una lunga fase di kumbhaka (50.4% del ciclo respiratorio). I risultati mostrano come il prāṇāyāma con un kumbhaka corto causi un aumento del consumo di ossigeno (52%) rispetto alla condizione iniziale pre-prāṇāyāma mentre il prāṇāyāma con un lungo kumbhaka comporta un calo del consumo di ossigeno (19%). La fase di Kumbhaka si rivela essere una discriminante importante per valutare le alterazioni nel consumo di ossigeno e quindi anche del metabolismo energetico.

SE VUOI LEGGERE TUTTO L'ARTICOLO CLICCA QUI

» Sezione filosofia

Vorremmo pubblicare i vostri articoli sulla filosofia dello yoga..
Scriveteci un'email specificando in oggetto "filosofia yoga" e allegate il vostro lavoro, provvederemo a pubblicarlo qui.

Ultimi articoli

27 Aprile 2017
27 Aprile 2017
27 Aprile 2017

Prossimi eventi

27 Aprile 2017
25 Aprile 2017
Associazione Culturale & Sportiva dilettantistica Metamorfosys, Via Milano n.18, CAP. 34132, Trieste, Italy. © 2017 All Rights Reserved.